LAST NEWS


Filtra per categoria : AFFITTI, CATASTO, ARREDAMENTO E TENDENZE, PRESTAZIONE ENERGETICA E IMPIANTISTICA, RISTRUTTURARE - RIQUALIFICARE, INCENTIVI / DETRAZIONI SUGLI IMMOBILI, MUTUI, COCOPROMO

Cerca fra i tag : RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA, DETRAZIONE IRPEF DEL 50, INTERVENTI DI RECUPERO EDILIZIO, CEDOLARE SECCA, AFFITTO, CANONE CONCORDATO, CATASTO; TARI; SUPERFICIE CATASTALE; VISURA CATASTALE, PRESTITO, IPOTECA, VITALIZIO, , DETRAZIONI; PERTINENZE; 730; AFFITTO; DEDUZIONI, GARANZIA; PRESTITO; FIDEIUSSIONE;, APE; VENDERE; AFFITTARE; LOCARE; PRESTAZIONE ENERGETICA, ECOBONUS; RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA; BONUS MOBILI; DETRAZIONI SU PRIMA CASA, IDEE; BAGNO; CASA, ARREDAMENTO; DISTRIBUZIONE SPAZI, RECINZIONE; IDEE; CASA, LOCAZIONI; AGEVOLAZIONI PRIMA CASA, ECOBONUS; DETRAZIONE; RISPARMIO ENERGETICO, DETRAZIONI FISCALI; BONUS ENERGIA; CASA; ECOBONUS; BONUS GIARDINI, BONUS MOBILI; INCENTIVI CASA; DETRAZIONE FISCALE, BONUS VERDE; DETRAZIONI FISCALI, GIARDINO; TERRAZZO; TENDENZE, , VENDERE;AGENZIA IMMOBILIARE;, VALUTAZIONE GRATUITA, VALUTAZIONE GRATUITA; , VALUTAZIONE GRATUITA; SEGUITO; AGENZIA IMMOBILIARE, APE; ATTESTATO PRESTAZIONE ENERGETICA; VENDERE CASA; PROMOZIONI, AGENZIA IMMOBILIARE; SERVIZI IMMOBILIARI, COVID; RIPARTIRE; AGENZIA IMMOBILIARE, CERCHIAMO; CASAM, CERCHIAO; CASA; GIARDINO;


CERCHIAMO (cod. 2322)

CERCHIAMO CON URGENZA PER CLIENTE PRONTO ALL'ACQUISTO, CASA ðŸ  O APPARTAMENTO CON GIARDINO IN ZONA TRANQUILLA TRA STARANZANO E RONCHI DEI LEGIONARI (GO), BUDGET fino a euro 180.000 (cod. 2322)
CHIAMA SUBITO â˜Žï¸ AL 0481 285069

tag cerchiao; casa; giardino;



PROVA CON NOI!

Non riesci a VENDERE il tuo immobile?
Cosa aspetti PROVA CON NOI!

CHIAMACI al 0481 285069 o scrivici su WHATSAPP 



tag VENDERE;AGENZIA IMMOBILIARE;



NON PERDERE TANTE OPPORTUNITA'

Affidati a noi, avrai più VISIBILITA' e OPPORTUNITA' di VENDERE BENE e RAPIDAMENTE.
Chiamaci o scrivici su Whatsapp, ti daremo maggiori informazioni e una consulenza gratuita.

tag AGENZIA IMMOBILIARE; SERVIZI IMMOBILIARI



VOGLIA DI RIPARTENZA

Avvisiamo tutti i nostri clienti che siamo pronti a ripartire con tutti i nostri servizi.
Continueremo a lavorare su appuntamento, come abbiamo sempre fatto, per poter dedicare ad ognuno di voi il tempo giusto e aumenteremo la sanificazione delle postazioni in ufficio, in questo modo rispetteremo anche le disposizioni e misure richieste dai decreti Ministeriali.
Ci siamo anche organizzati per poter svolgere le visite delle case dando maggiore tranquillità a tutti, sia agli acquirenti che ai venditori che ci accoglieranno nelle loro abitazioni.
Noi siamo pronti e TU?



tag covid; ripartire; agenzia immobiliare



COSA ASPETTI?

Per maggiori informazioni e una VALUTAZIONE GRATUITA del tuo immobile CHIAMA subito al 0481 285069 o scrivici su Whatsapp

tag



Il TEMPO sta per SCADERE, COSA ASPETTI?

Per maggiori informazioni e una VALUTAZIONE GRATUITA del tuo immobile CHIAMA subito al 0481 285069 o scrivici su WHATSAPP


tag VALUTAZIONE GRATUITA;



CI PRENDIAMO CURA DI TE

Ti sei appoggiato ad una agenzia immobiliare ma non sei soddisfatto di come vieni seguito?
SCOPRI come NOI ci prendiamo CURA di TE!
CHIAMA subito al 0481 285069 o scrivici su WHATSAPP

tag VALUTAZIONE GRATUITA; SEGUITO; AGENZIA IMMOBILIARE



COSA ASPETTI?

Non essere TIMIDO come un CONIGLIO!
Per maggiori informazioni e una VALUTAZIONE GRATUITA del tuo immobile CHIAMA subito al 0481 285069 o scrivici su WHATSAPP


tag VALUTAZIONE GRATUITA



ARREDAMENTO e TENDENZE

Vuoi cambiare look al tuo terrazzo o al tuo cortiletto? Ecco le nuove soluzioni
Effetto prato in formato piastrella
#CoseDiCasa
Effetto prato su terrazzi, tetti e in facciata: facile con l’innovativo sistema modulare. Tra i vantaggi, il risparmio energetico.
COSEDICASA.COM



tag Giardino; terrazzo; tendenze



BONUS VERDE PRIVATO 2018

Balconi, cortili e giardini potranno essere ristrutturati facendo leva su un incentivo pubblico per il verde privato. Rientrano nel perimetro degli sconti, oltre agli acquisti di piante, anche gli impianti di irrigazione a supporto del verde, i pozzi, le strutture di…
ILSOLE24ORE.COM



tag bonus verde; detrazioni fiscali



BONUS MOBILI 2018

Confermato il Bonus Mobili anche per il 2018, SCOPRI di più
Bonus mobili 2018: come funziona? Ecco tutti i dettagli sulla detrazione fiscale per l’acquisto di arredi ed elettrodomestici, spese ammesse e (...)
INFORMAZIONEFISCALE.IT


tag bonus mobili; incentivi casa; detrazione fiscale



Manovra finanziaria 2018

Manovra finanziaria 2018, detrazioni fiscali e bonus: 
CONFERMATI i vecchi bonus energia, per quello delle ristrutturazioni (al 50% fino a 96 mila euro) e per l'acquisto di mobili (fino a 10.000 euro) ed elettrodomestici. Rimodulato dal primo gennaio l'ecobonus, che scende dal 65% al 50% per gli infissi, le schermature solari e le sostituzioni di caldaie a condensazione.
Tra le NOVITA' il bonus giardini (detrazione al 36% su una spesa massima di 5 mila euro per sistemare a verde aree scoperte, recinzioni, impianti di irrigazione, ma anche per realizzare pozzi, coperture a verde e giardini pensili) e quello sulle polizze contro eventi calamitosi (detrazione del 19%).
Limmagine pu contenere cibo


tag detrazioni fiscali; bonus energia; casa; ecobonus; bonus giardini



ECOBONUS - detrazione risparmio energetico

ECOBONUS 2018
Novità in arrivo per l'ecobonus, la misura che comporta una detrazione del 65% per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici. Il governo ha in…
IDEALISTA.IT



tag ecobonus; detrazione; risparmio energetico



IDEE RECIZIONI per la TUA CASA

Idee per la tua CASA


tag RECINZIONE; IDEE; CASA



19/04/2017

categoria AFFITTI

QUESITI SULLE LOCAZIONI


Una questione che preoccupa molti proprietari riguarda l'eventuale perdita delle agevolazioni fiscali per la prima casa in seguito alla locazione della…
IDEALISTA.IT



tag locazioni; agevolazioni prima casa



IDEE per la DISTRIBUZIONE SPAZI

#CasaDellaSettimana: la nuova distribuzione dell'appartamento di 130 mq semplifica lo schema interno e migliora la fruibilità.
Un layout più moderno, con zona giorno ampliata e un bagno in più,…
COSEDICASA.COM|DI COSE DI CASA



tag arredamento; distribuzione spazi



IDEE come ORGANIZZARE un BAGNO

Prendi nota!!
Il bagno è un luogo che tutti vogliono tenere in ordine e pu…
HOMIFY.IT



tag IDEE; BAGNO; CASA



ECOBONUS

Ecobonus:
la detrazione per la riqualificazione energetica è stata prorogata fino al 2021, con percentuali tra al 70% e al 75% per i condomini, del 65% per le singole abitazioni. Confermati anche il Bonus Ristrutturazioni al 50% e il Bonus Mobili, che consente di detrarre le spese di acquisto di mobili sempre al 50%.
Limmagine pu contenere cibo


tag ECOBONUS; RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA; BONUS MOBILI; DETRAZIONI SU PRIMA CASA



APE

Stai pensando di vendere o affittare un immobile?

Ti servirà l'APE (Attestato Prestazione Energetica) che oltre ad essere un documento necessario al momento del rogito e alla stipula del contratto di locazione, dal 2012 è diventato obbligatorio anche indicare in tutti gli annunci pubblicitari, la classe e l'indice di prestazione energetica. 

CHIAMACI ti metteremo in contatto con professionisti abilitati a produrre tale documentazione a prezzi competitivi (a partire da € 150,00)
foto di Cococasa
foto di Cococasa


tag APE; VENDERE; AFFITTARE; LOCARE; PRESTAZIONE ENERGETICA



16/08/2016

categoria MUTUI

Garanzie richieste per i prestiti, ecco quali sono

Quando si richiede un prestito, sia esso un mutuo per acquistare la casa o un finanziamento per comprare un mobile, l’istituto al quale ci si rivolge richiede delle garanzie. Ma quali sono? Andiamo a scoprirlo.Busta paga â€“ La busta paga, quindi la dimostrazione che si è in possesso di un reddito da lavoro o di una pensione, è la prima garanzia richiesta.Nel caso in cui si sia un lavoratore dipendente bisogna presentare le ultime due buste paga; se si è un lavoratore autonomo, un libero professionista o un imprenditore, bisogna esibire il Modello Unico.I pensionati devono presentare il cedolino della pensione.Ipoteca di un immobile â€“ Ma, talvolta, nel caso non si sia lavoratori dipendenti e di conseguenza non si disponga di busta paga viene richiesto un altro tipo di garanzia:l’ipoteca di un immobile. In questo caso, l’ipoteca viene accesa sul valore libero (da altre iscrizioni) di un immobile (terreno o fabbricato). Nel caso di inadempienza del debitore, l’immobile viene venduto all’asta dal giudice, su richiesta del creditore, in modo che questi venga soddisfatto con il ricavato.  Pegno di un bene mobile â€“ Questa ipotesi fa sempre riferimento a una persona che non sia lavoratore dipendente e che quindi non disponga di busta paga. In questo caso si consegna al creditore un bene di valore e non deperibile a garanzia del finanziamento ottenuto e per tutta la sua durata. Con il rimborso del prestito e degli interessi, il cliente torna in possesso del bene, di cui non ha mai perso la proprietà. In caso di inadempienza, il bene viene rivenduto dall’istituto per soddisfarsi del credito residuo vantato.Fideiussione â€“ Si tratta di una garanzia personale e consiste nella doppia firma, accordata da un terzo soggetto, che con il suo reddito e il suo patrimonio s’impegna a garantire il creditore per il prestito. Il fideiussore si vincola a pagare al posto del debitore principale per i casi di sua inadempienza e fa si che tutte le scadenze siano onorate, potendo altrimenti anch’esso essere segnalato come cattivo pagatore o protestato alla Centrale Rischi Finanziari (Crif).
Pubblicato da www.idealista.it






tag garanzia; prestito; fideiussione;



Dalla casa alle ristrutturazioni alle spese sanitarie: così cambia il 730

La Cassazione ha chiarito che è «ammissibile la costituzione di una pertinenza in comunione». L'agenzia delle Entrate, quindi, ritiene che il vincolo pertinenziale con due distinte unità immobiliari abbia rilievo anche ai fini delle imposte sui redditi. Ogni comproprietario può, quindi, dedurre la quota di rendita della pertinenza, adibita a servizio dell'abitazione principale, pari alla percentuale di possesso della pertinenza stessa. Nella circolare n. 3 diffusa ieri si chiarisce inoltre che, ai fini della detrazione per i lavori di recupero del patrimonio edilizio abitativo (la cui spesa non può superare i 96mila euro), il limite di spesa su cui calcolare la detrazione va calcolato tenendo conto del numero delle unità immobiliari abitative servite dalla pertinenza.- di Francesca Milano - Il Sole 24 Ore .....


http://www.ilsole24ore.com/art/norme-e-tributi/2016-03-02/come-cambia-730abitazione-principale-perti...

tag detrazioni; pertinenze; 730; affitto; deduzioni



18/02/2016

categoria MUTUI

Prestito vitalizio ipotecario

18/02/2016 – È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale ed entrerà in vigore il 2 marzo ilDM 226/2015 sul prestito vitalizio ipotecario. La norma, lo ricordiamo, consente ai proprietari di casa che hanno già compiuto 60 anni di ottenere un prestito garantito dalla propria abitazione.
 

Chi può richiedere il prestito vitalizio ipotecario

Gli over 60, proprietari di un’abitazione, possono chiedere un finanziamento pari ad una percentuale del valore di mercato dell’immobile accendendo un’ipoteca sulla casa, ma mantenendone la proprietà.
 
Se il soggetto che ottiene il finanziamento è coniugato o convivente more uxorio da almeno cinque anni e se entrambi risiedono nell’immobile su cui si accende l’ipoteca, il contratto deve essere sottoscritto da entrambi, anche se l’immobile è di proprietà di uno solo.
 
Il proprietario che ottiene il finanziamento non ha l’obbligo di lasciare l’abitazione né quello di ripagare il capitale o gli interessi. Nel caso in cui non riesca a restituire il finanziamento durante il corso della sua vita, gli eredi possono decidere se riscattare l’immobile gravato dall’ipoteca o venderlo. La vendita può essere gestita autonomamente o dalla banca. In questo caso i proventi della vendita spettano alla banca per la parte che copre il capitale, gli interessi e gli eventuali costi connessi al finanziamento, mentre la parte eccedente va agli eredi.
 

Le regole del prestito vitalizio ipotecario

La banca o un altro soggetto finanziatore deve predisporre dei prospetti esemplificativi, da sottoporre al soggetto finanziato, che illustrano il possibile andamento del debito nel tempo, ma non può esigere il pagamento di ulteriori spese di istruttoria.
 
Il finanziatore può chiedere il rimborso integrale del finanziamento nel caso di unariduzione significativa del valore dell’immobile. La riduzione del valore, che deve essere provata a spese del finanziatore, si verifica in caso di:
- decesso del soggetto finanziato o del soggetto finanziato più longevo;
- trasferimento, in tutto o in parte, di diritti reali o di godimento sull’immobile dato in garanzia;
- compimento da parte del soggetto finanziato con dolo o colpa grave di atti che riducano significativamente il valore dell’immobile;
- costituzione di diritti reali di garanzia in favore di terzi;
- modifiche strutturali all’immobile rispetto al suo stato originale, apportate senza previo accordo con il finanziatore;
- revoca dell’abitabilità dell’immobile dovuta a incuria del finanziato;
- ingresso nell’immobile, quali residenti, di soggetti diversi dai familiari del finanziato;
- procedimenti conservativi o esecutivi o ipoteche giudiziali sull’immobile dato in garanzia.
http://www.edilportale.com/news/2016/02/normativa/prestito-vitalizio-ipotecario-in-gazzetta-le-regol...



tag prestito,ipoteca, vitalizio,



10/11/2015

categoria CATASTO

CATASTO - arrivano i metri quadrati

Pubblicato da Ansa.it · 
Indicati nella visura catastale, per 57 milioni di immobili. Un aiuto concreto per la tassa sui rifiuti (ANSA)
ansa.it



tag CATASTO; TARI; SUPERFICIE CATASTALE; VISURA CATASTALE



08/11/2013

categoria AFFITTI

CEDOLARE SECCA - ridotta l'aliquota

È confermata la riduzione dal 19% al 15% dell’aliquota applicabile ai contratti a canone 
concordato. La nuova percentuale ridotta è applicabile già dal 2013. 



tag CEDOLARE SECCA, AFFITTO, CANONE CONCORDATO



Le novità del Decreto “ENERGIA”

Le novità del Decreto “ENERGIA”

Con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del 5 giugno, è entrato in vigore, a decorrere dal 
giorno seguente, il Decreto Legge n. 63/2013, il quale, schematicamente, prevede:

la proroga al 31.12.2013 della detrazione spettante per le spese di riqualificazione 
energetica degli edifici (ovvero al 30.6.2014 se relative ad interventi su parti comuni dei 
condomini), nonché l’aumento della stessa dal 55% al 65% per le spese relative ai lavori 
effettuati dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2013 (o 30.6.2014), tuttavia con una riduzione 
dei limiti massimi di spesa agevolabile;

la proroga al 31.12.2013 della detrazione IRPEF del 50% per gli interventi su unità 
immobiliari residenziali.

Per entrambi i tipi di intervento la detrazione è usufruibile in 10 quote annuali di pari importo.
Il Decreto in esame prevede inoltre che, in caso di intervento di recupero del patrimonio edilizio, la detrazione IRPEF del 50% sia estesa alle spese sostenute fino al 31/12/2013 per l’acquisto di mobili, su un importo massimo di Euro 10.000,00 con riferimento a ciascuna unità abitativa oggetto di intervento, usufruibile anche in questo caso in 10 quote annuali di pari importo.

In relazione a quest’ultima agevolazione, si ritiene utile precisare che:

non sia sufficiente che l’intervento rientri tra quelli per i quali è potenzialmente detraibile il 50% ma sia necessario fruire realmente della detrazione e quindi assolvere a tutti i relativi adempimenti (pagamento con bonifici, esposizione dei dati nel mod. UNICO, ecc.);

non necessariamente le spese per i lavori di recupero devono essere sostenute prima di quelle dell’arredo. In altre parole, è possibile beneficiare della detrazione del 50% sulle spese di acquisto dei mobili anche qualora le stesse siano sostenute prima delle spese di “ristrutturazione”, purché i lavori siano iniziati antecedentemente.

rientrano nell’agevolazione anche le spese sostenute per il montaggio ed il trasporto dei mobili;

qualora non vi sia coincidenza tra l’intestatario della fattura di acquisto dei mobili e l’ordinante il bonifico, la detrazione spetta al soggetto che ha effettivamente sostenuto la spesa, purché sulla fattura sia annotato che la spesa è stata sostenuta da chi intende usufruire della detrazione;

qualora non vi sia coincidenza tra il soggetto che ha sostenuto le spese di ristrutturazione e quello che ha sostenuto le spese per l’arredo della stessa abitazione, quest’ultimo non ha diritto di usufruire della detrazione delle spese per arredi.

Riepilogando, sono agevolabili le spese sostenute per l’acquisto dei mobili finalizzati all’arredo dell’immobile oggetto dell’intervento di recupero. Mentre non sono agevolabili gli acquisti di elettrodomestici, televisori e computer. 
Si rimane al momento in attesa di un chiarimento relativamente al caso di acquisto di mobili che includono elettrodomestici da incasso (si pensi al caso ad esempio della cucina completa di forno, frigorifero, lavastoviglie, ecc.).

fonte - Ascom Trieste (Gianluca Gioffrè)


tag riqualificazione energetica, detrazione IRPEF del 50, interventi di recupero edilizio